Turchia: interrotto il sito di stampa russa Sputnik

on

Talal Khrais, Roma – Paola Angelini, Roma

In Turchia il blocco di accesso al sito dell’agenzia di stampa russa Sputnik è un attacco alla libertà d’informazione garantita dagli accordi internazionali, questo è quanto sostiene il Presidente del Consiglio sui Diritti Umani del Cremlino Mikhail Fedotov.

Il sito web di Sputnik, in Turchia è stato bloccato giovedì notte. Secondo il redattore capo della versione in lingua turca di Sputnik, Tural Kerimov, oggi l’authority delle telecomunicazioni della Turchia (TIB) conferma la chiusura del sito web senza dare spiegazioni.

In Turchia ci sono 33 giornalisti in carcere. Si discute molto nel paese e oltre confine in merito alla possibilità di parlare di libertà di stampa considerando le attuali condizioni.

Il 13 gennaio di quest’anno, la rivista nazionale Nokta usciva con un approfondimento molto interessante dal titolo: “Ultimi tre mesi: 58 giornalisti condannati a 877 anni e 6 mesi di carcere”. Oltre al forte impatto creato da questo “strillo”, il preziosissimo contenuto metteva in luce gli elementi legislativi che “legano” le mani dei giornalisti in Turchia.

Rispondi