A un passo dalla vittoria

A un passo della vittoria (Link Al Manar TV)

Talal Khrais, Paola Angelini – Roma

L’esercito siriano e i suoi alleati sono riusciti a sfondare le fortificazioni dei gruppi armati: siamo vicinissimi alla vittoria nella parte sud dei quartieri est di Aleppo. I governativi sono riusciti a prendere e liberare la popolazione nei quartieri sequestrati per tre lunghi anni. Questi quartieri venivano considerati dai combattenti fortezze indistruttibili. Un ufficiale ha detto: “Le fortificazioni del nemico erano veramente molto solide, oltre che essere zone strategiche dal punto di vista militare. C’erano tunnel sotterranei difficili da colpire. Da alcune alture controllavano l’autostrada internazionale che da Aleppo va verso l’aeroporto. Per cinque anni hanno costruito tunnel e fortificazioni. Abbiamo combattuto duramente per una settimana per riconquistare quest’area ai terroristi”.

Subito dopo la liberazione dei quartieri squadre tecniche sono entrate per ripristinare la corrente e riportare l’acqua nelle case. Quello che è rimasto di questi terroristi è ciò che hanno scritto sui muri delle fabbriche, ora abbandonate, usate per produrre le bombe e i razzi della morte.

Parla un altro ufficiale: “Quest’area geografica liberata è stata molto importante, e permetteva ai terroristi di controllare una grande parte della città di Aleppo. Grazie a Dio, la patria vince contro questi criminali e assassini”.

L’esercito dei Siriani e dei loro alleati ha preso in fretta posizione per estendere la sua presenza, e continua ad avanzare per non lasciare spazio e modo ai terroristi di tornare. I Siriani e gli alleati cominciano a disegnare il destino della città, liberando per sempre una popolazione che ha sofferto a lungo.

Dopo aver combattuto una grande battaglia, l’esercito oggi sta nel quartiere di Sheik Said, davanti agli occhi ciò che è rimasto. Meno dell’1% percento resta nelle mani dei gruppi armati. I quartieri che non avranno un destino di quelli crollati sono: Sheik Said, Jafar Mhanna Al Manar.

 

Rispondi