Lavoratori egiziani cristiani sequestrati in Libia

on

Talal Khrais, Beirut

3Vita quotidiana dei gruppi che l’Occidente contava di poter utilizzare, prima contro i russi in Afghanistan, e poi contro i russi in Siria.

Le immagini mostrano lavoratori egiziani cristiani sequestrati in Libia (non sapremo che fine faranno).

1Al momento la classe politica non ha ben compreso la gravità della situazione, non si dovrebbe proseguire con una pratica del governo aspettando di trasformare le nostre città insicure.

L’Occidente continua a sanzionare la Federazione Russa che combatte in prima fila il terrorismo, l’Occidente continua le restrizioni verso coloro che lo combattono: la Repubblica Islamica dell’Iran, l’Irak e Hezbollah.

Ai Religiosi moderati sciiti viene negato il visto intanto che ci aiutano a isolare il terrorismo che dimostra di essere tanto diverso dall’autentico Islam.

Il numero dei clandestini sbarcati sulle nostre spiagge è aumentato e sembra destinato a non finire, e non sempre arrivano dai paesi in guerra, basterebbe osservare i numeri che le questure presentano. Oggi le associazioni del volontariato sono complici delle organizzazioni della criminalità organizzata e sono i primi a guadagnare soldi da questi affari.

E la classe politica?

Rispondi