La stampa libanese elogia l’incontro tra il Presidente Aoun e il Santo Padre

Talal Khrais, Beirut
Paola Angelini, Roma


Il Presidente della Repubblica libanese, Michel Aoun è stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco, un incontro che ha reso i libanesi molto contenti.

Un appuntamento significativo tra la Santa Sade e il Libano: le relazioni tra i due Stati sono sempre state storicamente forti. Si è discusso della guerra in Siria e dell’accoglienza che il Libano offre al popolo siriano.

Il Presidente libanese, è stato eletto con grandissimo consenso popolare alla fine di ottobre, ha ringraziato il Santo Padre per le attenzioni dimostrate verso i cristiani d’Oriente e per l’interesse nei confronti del Libano. Il Santo Padre ha promesso all’ex generale cristiano Aoun di voler conoscere il Paese dei Cedri.

Papa Francesco ha donato un ramoscello d’ulivo in bronzo al Presidente del Libano, alla fine della conversazione durata 18 minuti, presente anche Monsignor Yoannis Ghazi Laid, Segretario particolare del Papa, di origine egiziana.

Il Presidente del Centro Italo-Arabo Assadakah, Linda Abou Khalil, ha partecipato al ricevimento in onore del Presidente Aoun, nell’Ambasciata del Libano presso la Santa Sede, presenti il Ministro degli Esteri Jibran Bassil e il Generale Chamel Roukez.

Linda Abou Khalil conferma il sostegno di Assadakah all’operato della Presidenza e del Governo Libanese. In particolare, auspica il processo della riforma elettorale e un rafforzamento tra lo Stato e i cittadini.

[Per notizie sul Libano, è possibile consultare le pagine del nostro sito www.assadakah.com]

 

Rispondi