Guerra finale contro lo Stato Islamico nel Qalamoun Occidentale

Talal Khrais – Paola Angelini

 

 

Aggiornato al 5 settembre 2017

L’Esercito siriano approfittando dei raid russi potrà, entro oggi, togliere l’assedio di Deir Ezzour, iniziando a raggiungere la brigata 137 assediata da tre anni ma abbastanza preparata. E’ una grande svolta sia a livello nazionale che geografico . Immagini di al Manar mostrano i militari siriani a tre km dalla città assediata pronta a combattere insieme ai militari in arrivo. L’esercito siriano con l’indipendenza della città di Akayrbat sta liberando tutta la provincia di Hama Si accorcerà il percorso tra Aleppo e Damasco, permetterà all’esercito siriano di dirigersi tranquillamente verso Reqa e Deir Ezzour dove sono stati raggiunti importanti progressi.

http://www.almanar.com.lb/2562602

Aggiornamento 28 agosto 2017

L’Esercito Siriano controlla i passaggi e due stazioni di frontiere con la Giordania nell’area chiamata Wadi Mahmoud. Secondo accordo raggiunto tra Hezbollah e lo Stato Islamico nel Qalamoun Occidentale , 11 ambulanze della mezzaluna rossa siriana iniziano a portare i feriti dello Stato Islamico attraverso il passaggio di Sheik Ali – al Roumiat, per arrivare nella provincia di Deir Ezzour precisamente nel Al Abou Kamal a ridosso del confine con l’Iraq. L’esercito siriano e Hezbollah installano una postazione sul Monte Halimat Qara, un’altura di 2400 metri con una superficie di 200 kmq, è un territorio strategico situato tra il territorio libanese e siriano.

Aggiornamento 21 agosto 2017

Poco fa un cessate il fuoco: sembra che Hezbollah ha raggiunto un accordo per tutto il Qalamoun Occidentale territorio libanese e siriano con lo Stato Islamico

16 combattenti dello Stato Islamico si sono arresi a Hezbollah che insieme all’esercito siriano controllano tutte le alture intorno alla zona in cui sono presenti i combattenti dello Stato Islamico, le loro difese si indeboliscono.

I risultati della campagna iniziata nel lato siriano soprannominata “se ritornate ritorniamo”: il controllo delle alture e delle colline anche le più alte nella parte libanese e siriana.

L’esercito libanese grazie al pesante bombardamento dei jet siriani continua ad avanzare e l’operazione del Libano è chiamata “l’alba delle Campagne” o Jurud, tutte linee di rifornimento e di comunicazioni dello Stato Islamico sono interrotte.

I corrispondenti nella zona siriana inviano notizie dalle campagne di Qara e nelle vicinanze del Jarajir.

Il passo più significativo è quello di ottenere il controllo di sei passaggi che legano il confine libanese al confine siriano, in particolare il passaggio di Zamarani.

L’esercito siriano ha liberato circa 3500 kmq nella provincia di est Hama e a est di Hom, un passo importante per andare nelle due direzioni:est Reqa, dove esercito siriano avanza rapidamente, e Deir Ezzour. In questi giorni le campagne di Qara sono sotto pesanti bombardamenti dei Jet Siriani.

Nel Qalamoun Occidentale gli Hezbollah e l’esercito siriano hanno liberato 75 kmq il primo giorno dell’operazione “se ritornate ritorniamo. Hanno lasciato Wadi Hmayed, nei pressi delle campagne di Ersal, i 395 combattenti di Saraya Ahl Al Cham insieme a 1600 persone e ai loro familiari, tutti vivano nei campi, i bus prenderanno la strada per Ersal, Aqaba, Flita, verso le campagne di Damasco dove è presente l’esercito siriano.

I nostri colleghi dal fronte ci informano: la battaglia per liberare Tel Afar, nel territorio iracheno sul confine con la Siria, è iniziata con bombardamenti aerei in preparazione dell’offensiva terra. Sembra che l’aviazione irachena abbia colpito importanti obbiettivi. Partecipano insieme alle Forze Armate la Polizia Federale. A Tel Afar ci sono circa mille combattenti dello Stato Islamico, tra questi, 300 fuggiti dal Mosul. Tel Afar (70 km ad ovest del Mosul), è l’ultimo territorio occupato dall’isis, (in Iraq) nella provincia Di Nivine in arabo Ninawa, Hashed Chaabi assedia decine dei villaggi intorno a Sud di Tel Afar abitati da turcomeni .

http://www.almanar.com.lb/2485690

Rispondi