Assadakah, critiche e opinioni…Ma non sempre la storia la scrive chi vince…

In questi giorni, Assadakah ha ricevuto critiche da una parte e dall’altra, per la copertura quotidiana della rivolta popolare in Libano.

Nessuno può negare che, per le strade e le piazze delle città libanesi e non solo, sia in atto un fenomeno senza precedenti, che assume connotati diversi e cambia da un giorno all’altro. Un fenomeno che, in quanto investe oltre una quindicina fra culture, etnie, confessioni religiose, ideologie, dovrebbe essere portato all’attenzione internazionale, e non solo nel mondo arabo.

Italia e Libano, inoltre, hanno legami che vanno ben oltre il mondo della finanza, degli investimenti, dell’economia o delle convenienze politiche. Il legame della gente, che in non poche città italiane ha dato esempio di solidarietà, come in altre occasioni. con la popolazione siriana, curda, armena, palestinese e per tutte le altre sottomesse a leggi che violano palesemente i diritti dell’uomo.

Siamo convinti che l’informazione indipendente sia la base per l’unione di popoli e culture, soprattutto fra le sponde dello stesso mare, e rimanga uno dei fondamenti del ponte che li unisce.

Abbiamo cercato, cerchiamo, e vogliamo essere fra la gente, riportare la verità, piaccia o non piaccia. Abbiamo fatto il nostro dovere, offerto informazioni dettagliate, e continueremo a farlo perché è la missione che ci siamo imposti. Perché non sempre la storia la scrive chi vince o se non altro, con un pur modesto contributo, cerchiamo di fare in modo che non sia così…

Assadakah non è schierato, ed è senza filtri. O per lo meno, se schierarsi non si può proprio evitare, diamo comunque, e onestamente, spazio a tutte le opinioni

Talal Khrais / Roberto Roggero

Leave A Reply