Firenze – Raffi Yedalian rende omaggio al genio di Leonardo

Roberto Roggero – Scultore, pittore, artista multiforme, Raffi Yedalian è nato a Beirut nel 1973, ed è di fiere origini libanesi-armene, come si può percepire dal nome stesso. Ha compiuto gli studi artistici alla Accademia Libanese di Belle Arti “Alba” e alla Accademia di Belle Arti “Toso Roslin” e dal 2006 è insegnante all’Università Haigaziana di Beirut.

Raffi è autore di numerose mostre personali e collettive, fra cui al Salon d’Automne del Sursock Museum, alla Beirut Art fair, Art 15 di Londra, e i suoi lavori sono esposti in diverse gallerie d’arte di molti paesi fra cui la Red Dor della Miami Arti Fair International Print Festival Life’n’Style in Georgia. Al proprio attivo una lista di premi e riconoscimenti ufficiali in tutto il mondo.

Raffi Yedalian

Nel 2012 la sua scultura in bronzo “Meghabard” è stata inaugurata da Papa Benedetto XVI in occasione della visita ufficiale a Bzommar, in Libano, e una replica in miniatura fa parte della collezione personale del pontefice presso il Vaticano. Sempre in Vaticano, nel 2015 Raffi ha presentato a Sua Santità Papa Francesco il dipinto che raffigura il Beato Ignazio Maloyan, e una riproduzione di quest’opera è stata eseguita e pubblicata dall’Ufficio Filatelico e Numismatico della Città del Vaticano per un francobollo in edizione limitata.

L’opera “Riflessioni di una mente enigmatica” omaggio a Leonardo da Vinci

Altra celebre opera è la scultura in bronzo “Gratitudine” del 2015, esposta in Gemmayzeh Pasteur Street a Beirut. Nel 2017, ha creato la Torcia di Nostra Signora di Fatima, offerta da Sua Beatitudine Eminenza Mar Bechara Boutros Rai, Patriarca di Antiochia e di tutto l’Oriente, per conto della Chiesa Cattolica del Libano, al Santuario di Nostra Signora di Fatima in Portogallo, in occasione del centenario delle apparizioni.

L’opera pittorica “Destiny of Love”

Alcune opere dell’artista sono esposte in collezioni permanenti tra cui il Museo Sursock (Beirut), Città del Vaticano (Roma), Museo d’arte moderna e contemporanea “MACAM” (Libano), Museo del Santuario di Fatima (Portogallo), Museo di Genocidio armeno (Armenia), Museo del Convento di Bzommar (Libano), Museo della Grande Casa della Cilicia (Libano) e molti altri in tutto il mondo.

La scultura “Gratitude” esposta a Beirut

In occasione della Biennale di Firenze, Raffi Yedalian interviene con l’opera pittorica “Riflessioni di una mente enigmatica”, che riflette il mondo dell’incomparabile genio fiorentino Leonardo Da Vinci. La mente enigmatica di Da Vinci ha un impatto enorme sul modo di pensare del mondo moderno. È la sua mentalità che ha ha aperto la strada alla scoperta di numerose invenzioni che hanno aiutato l’umanità a raggiungere lo status di oggi. La saggezza unica di Da Vinci ha ispirato la formazione di questa installazione, in cui la totalità di questo grande maestro del Rinascimento può essere tradotta solo attraverso lo specchio, chiave per decodificare il potere della mente di Da Vinci e comprenderne la percezione e la creatività infinita. Il ruolo significativo dello specchio è stato abbracciato in questa installazione per scoprire il più grande genio universale italiano.

La scultura del Beato Maloyan

È attraverso lo specchio che si può vedere il mistero della figura nascosta, iniziando a guardare le cose da una prospettiva diversa, rompendo le barriere della vita per rafforzare il rapporto con arte e bellezza. Per quanto riguarda le forme simboliche e gli elementi del dipinto, rappresentano i vari aspetti di Leonardo: artista, inventore, astronomo, architetto, musicista, anatomista… In occasione del quinto centenario della morte di Leonardo Da Vinci, quest’opera d’arte rende omaggio a questo maestro insuperabile, la cui immaginazione ha cambiato il modo in cui il mondo viene percepito.

Il dipinto “In the Moon”

Leave A Reply