Libano – “Rigettiamo le sanzioni americane contro esponenti di Hezbollah”

Il Libano deplora l’imposizione di sanzioni da parte degli Stati Uniti a due membri di Hezbollah nel parlamento libanese e proseguirà la questione con le autorità americane, ha detto il presidente Michel Aoun.

Gli Stati Uniti hanno annunciato nuove sanzioni contro i due parlamentari del movimento Hezbollah, nonché su uno dei massimi funzionari della sicurezza del gruppo, traendo espressioni di preoccupazione dai funzionari libanesi.

“Senza dubbio, ha preso una nuova direzione”, ha detto il premier Saad Hariri della mossa degli Stati Uniti. “Ma questo non influirà sul lavoro che stiamo facendo in Parlamento o sui ministri, è una questione nuova che affronteremo come riteniamo opportuno…L’importante è preservare il settore bancario e l’economia libanese e, Dio volendo, questa crisi passerà”, ha detto in una dichiarazione.

Il portavoce del parlamento libanese ha sbattuto le nuove sanzioni statunitensi contro i funzionari di Hezbollah come un attacco contro l’intero paese. Amin Sherri e Muhammad Raad, membri del parlamento libanese, nonché Wafiq Sada, che coordina con le agenzie di sicurezza del Libano, sono stati sanzionati.

“E’ un attacco al parlamento e di conseguenza un attacco a tutto il Libano”, ha detto in una dichiarazione, Nabih Berri. Hezbollah esercita una grande influenza in Libano. È stato fondato nel 1982 durante la guerra civile in Libano. Il movimento ha vinto 13 seggi su 128 nelle elezioni generali del maggio 2018 e detiene tre cariche di gabinetto.

Le prime sanzioni da parte di Washington per colpire i politici eletti di Hezbollah è arrivata quando gli Stati Uniti hanno aumentato la pressione sull’Iran e sui suoi presunti “proxy” in Medio Oriente. Hezbollah ha sostenuto le forze governative nella vicina Siria nella guerra civile scoppiata nel 2011. Dopo l’annuncio del Tesoro USA, la televisione di Hezbollah Al-Manar ha detto che il leader del gruppo, Hassan Nasrallah, apparirà in TV venerdì. Nasrallah affronterà una serie di questioni libanesi e regionali e dovrebbe discutere anche le ultime sanzioni.

Leave A Reply