Martignano-Kafar Matta: Continuano le iniziative “Due Popoli, un solo Cuore”

Roberto Roggero – Nel quadro delle iniziative Libano-Salento, il piccolo Comune di Martignano, sta facendo scuola come modello di iniziative culturali, sociali, inter-religiose e di unione fra i popoli. Un esempio la cui fama ha già oltrepassato i confini nazionali e da ormai oltre trent’anni.

In quest’ottica, il 28 novembre ha avuto luogo, presso la Sala Consiliare del Municipio, l’incontro pubblico che ha celebrato l’importante iniziativa, con la partecipazione di personalità che hanno bisogno di ben poche presentazioni. Oltre al Sindaco Luciano Aprile, erano presenti il parroco di Martignano don Paolo Russo, la Dirigente Ist Comprensivo Piera Liguori, il sindaco CCR Donato Fazzi, e il presidente della provincia di Lecce Stefano Minerva.

L’incontro è stato introdotto da Vinicio Russo, analista ed esperto di Cooperazione Internazionale, il quale ha introdotto gli interventi del giornalista internazionale Talal Khrais, del Rettore della Chiesa di S.Basilio padre Abdo Raad, e di Sara Sergio, docente all’Università La Sapienza Unitelma di Roma, con il coordinamento dell’Assessore del Comune di Martignano, Simone De Riccardis.

Dal lontano 1989, Martignano ha intrapreso questa difficile ma estremamente gratificante strada, che continua a percorrere pur fra diverse difficoltà, dall’apposito Protocollo d’Intesa firmato dall’allora sindaco Luigino Sergio e l’omologo di Kafar Matta, Fouad Kaddai, che siglarono il gemellaggio fra le due cittadine, per rafforzare l’impegno di due popoli amici, all’insegna dell’amicizia internazionale, dei principi di solidarietà, cooperazione e sviluppo, e soprattutto della salvaguardia della pace.

Fin dai primi tempi è stata oltremodo preziosa la collaborazione dell’Ambasciatrice del Libano in Italia, Mira Daher. Le iniziative sono state numerose e tutte hanno riscosso un indubbio successo, come la mostra fotografica “Salento-Libano”, a tutt’oggi visitabile, che ha ripercorso gli innumerevoli progetti realizzati nel Paese dei Cedri che si è tenuta lo scorso anno. Ampio spazio è stato dato alla cooperazione fra Martignano e Kafar Matta, che è stata determinante per la realizzazione di un centro polivalente dedicato a don Tonino Bello, un frantoio e due impianti sportivi, progetti di educazione alla cultura della pace e della convivenza con iniziative umanitarie.

L’incontro del 28 novembre, si è aperto con il saluto ufficiale del Sindaco Luciano Aprile, il quale ha introdotto il tema attuale, ovvero la cooperazione internazionale e ha illustrato i progetti degli ultimi due anni, con menzione dei sopralluoghi per verificare lo stato dei lavori in corso a Kafar Matta. Cioè una scuola e un immobile dedicato ai bambini e ragazzi siriani, che sono stati costretti ad abbandonare la propria casa e il proprio paese a causa della guerra.

Assadakah dedicherà ulteriori servizi alle iniziative del Comune di Martignano, come esempio da diffondere sia a tutta Italia che oltre i confini nazionali, per unire i diversi popoli in particolare dell’area mediterranea.

Leave A Reply