Situazione nel Sud ovest della Siria

on

Dichiarazione Talal Khrais

La nostra Associazione dall’inizio del conflitto in Siria, una guerra mediatica e militare condotta dai paesi arabi del Golfo e dalle “democrazie” occidentali “ha avuto una posizione chiara. Da più di sette anni abbiamo compiuto 76 missioni nel paese arabo sottoposto al terrorismo internazionale, terroristi sono partiti inosservati dall’Europa, hanno seminato la morte e la distruzione. Oggi la Siria sta vincendo, la liberazione del Sud ovest permetterà allo Stato Siriano di garantire la pace e la sicurezza in questa regione. Ogni volta, in questi sette anni quando l’esercito arabo siriano avanza, si alzano le voce “fuga di centinaia di migliaia di civili, o l’utilizzo degli armi chimiche” e viene convocato il Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Mi chiedo che l’Europa, la sua democrazia da quale parte sta, con un governo, uno Stato sovrano aggredito o con il terrorismo?

Assadakah ha espresso gratitudine e soddisfazione per l’appello fatto ieri dal governo siriano ai  suoi cittadini di ritornare nei territori liberati dove regna la sicurezza da più di due anni, partecipare alla ricostruzione. La Siria ha bisogno più che mai della sua gente dopo la liberazione per ricostruire e coltivare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *