Trevignano unisce l’Italia al Libano e alla popolazione di Beirut

Enzo Parziale – A livello nazionale, il Vaticano e le Chiese di tutto il mondo stanno rispondendo all’appello di Papa Francesco per il Libano e il suo popolo. In Italia si celebrano messe e preghiere per il popolo libanese e per l’afflitta Beirut. “Continuo a pregare per il Libano e per altre tragiche situazioni nel mondo che causano dolore alle persone”, ha dichiarato Sua Santità dopo aver recitato la preghiera dell’Angelus, aggiungendo: “Il disastro di martedì scorso richiede che tutti, a cominciare dai libanesi, lavorino insieme per il bene comune di questo amato Paese. Rinnovo il mio appello alla comunità internazionale per fornire un aiuto generoso”.

La messa che si è svolta ieri a Trevignano (Roma) per il Libano e per confortare le anime dei martiri del porto di Beirut, ha risuonato a Roma e dintorni e ha incoraggiato molte parrocchie ad organizzare liturgie per lo stesso motivo. Alla parrocchia di S.Maria Assunta, di Trevignano, è stata celebrata una messa per testimoniare la vicinanza al Libano, e per le vittime dell’esplosione al porto di Beirut, a cura del parroco Gabriel Kabani e del presidente dell’associazione “People for People” padre Abdou Raad, a cui hanno partecipato un gruppo di sacerdoti e sindaci, e una folta folla di partecipanti. Alla messa ha presenziato l’arcivescovo ortodosso d’Italia, Primate Artodusso, che ha parlato all’agenzia di stampa nazionale: “Sono venuto a partecipare alla Divina Liturgia per confortare le anime dei martiri del Libano. Il popolo libanese sta vivendo un inferno. I processi di ricostruzione e guarigione delle ferite possono richiedere diversi anni.

Il Libano era conosciuto come la Svizzera del Medio Oriente, e purtroppo la vita del popolo libanese si è trasformata in una grande tragedia. Il Libano dovrebbe tornare florido come una volta, per essere seguito come modello di progresso e convivenza. Ci rendiamo conto dell’importanza di aiutare il popolo libanese, e questo è ciò che faremo affinché i cedri del Libano tornino alla ribalta e siano testimoni della bellezza della vita”. Alla messa ha partecipato anche il sindaco di Trevignano, Claudia Maciucchi, la quale ha dichiarato: “Dal Comune di Trevignano è stata lanciata oggi una bellissima iniziativa, che è la migliore espressione della nostra solidarietà con il Libano, conferma che siamo tutti fratelli e che nessuno può separarci. Oggi ci uniamo tutti per accettare di fornire sostegno ai nostri fratelli in Libano”.

Pregando per il Libano, padre Gabriel ha rivolto un discorso chiedendo di stare al fianco del Libano, e ha ringraziato i libanesi che hanno partecipato alla messa. Ha poi concluso dicendo che la Bibbia ha parlato della donna cananea che incontrò il Signore Gesù a Sidone, in Libano e che Cristo è venuto per il bene di tutta l’umanità e dobbiamo lottare con forza e audacia per aiutare le persone.

Leave A Reply